-2 Le Mince Pies per un dolce scambio di auguri

23 December, 2012
Anti-vigilia  di Natale.
Non so se esista davvero questo termine, ma spesso lo utilizzavamo da piccoli quando si iniziavano i preparativi del pranzo del 25 con mia mamma e mia zia e tutto era organizzato al secondo. 
Si iniziava all'”anti-vigilia”, in genere con i dolci, per poi passare alle basi per le immancabili lasagne alla Vigilia e tutta quella serie di antipasti che potevano essere preparati con un giorno di anticipo (capesante gratinate ecc).
Oggi anche io mi dedico ai dolci, la sablè riposa in frigo da un paio di giorni e aspetta solo di essere stesa, così come gli albumi “vecchi” fremono, pronti per essere trasformati in soffice meringa all’italiana.
La pasta-sfoglia è in attesa di iniziare la serie di giri e pieghe che la faranno diventare alta e croccante in cottura attorno al filetto, avvolgendo e racchiudendo uno scrigno di funghi e castagne.
Ieri è stato un pomeriggio di preparativi, le basi (frolle, sfoglie…) si possono preparare con largo anticipo e conservare in frigo (e questo lo dico perchè non è vero che “manca il tempo” per fare la frolla in casa, bastano 10 minuti anche 4-5 giorni prima del suo utilizzo… in frigorifero rimane tranquillamente una settimana…), la creme Fraiche ha riposato tutta la notte a temperatura ambiente ed ora l’ho messa in frigorifero e il salmone sta marinando nel suo guscio di sale e vaniglia.
Ma ieri non abbiamo solo cucinato, il discorso sulla decorazione della tavola è andato avanti… perchè non ci sono solo i segnaposti, i tovagliati e i servizi di posate da lucidare… anche le sedie vanno vestite a festa!
In base al modello che possedete potete decorare lo schienale con nastri di raso e di voile che si chiudono in morbidi e vaporosi fiocchi, oppure applicare piccoli mazzetti di aghifoglio, bacche e vischio , la regola è bilanciare il colpo d’occhio: se avete una tavola semplice puntate sull’effetto delle sedie decorate, osate magari un po’ di più con esse… se invece avete già una mise en place importante, magari con una tovaglia e dei runner (l’anno scorso ho optato per una tovaglia arabescata avorio e runner velati color bronzo) e un bel centrotavola ricco, lasciate in semplicità le sedie, magari giusto un nastro neutro.
Anche queste cose possono essere preparate 3-4 giorni prima, se avete dei mazzettini di verde e bacche basta lasciarli al fresco sul balcone e legarli alle sedie il giorno prima, io avendo ospiti per il pranzo di Natale apparecchierò e decorerò la tavola il pomeriggio della Vigilia, quindi se passate di qua domani dovreste già vedere qualche anticipazione ^^
Ma proseguiamo, giusto perchè questo mini countdown pre-natalizio mi piace un sacco, oggi vi suggerisco un dolcino favoloso, un dolce tradizionale inglese che si prepara durante le festività natalizie. 

Queste piccole crostatine le preparo durante tutto il mese di Dicembre, le ho proposte anche al primo corso  Dolce Natale fatto il mese scorso e hanno riscosso un grosso successo, nelle settimane successive piovevano tag a destra e a manca su Facebook man mano che le mie “allieve” riproponevano la ricetta a casa loro!
Le Mince pies sono piccole crostatine di pasta brisè (che preferisco alla frolla nel caso in cui vi fossero ripieni già molto dolci), farcite con un composto di frutta secca, arancia candita e cannella, sono perfette servite con un tè, magari proprio domani per lo uno scambio di auguri tra amiche il pomeriggio o per aspettare la Messa di Mezzanotte davanti al camino (sempre che non siate impegnati in super cenoni, in tal caso solo un bel tè al limone per mandar giù fritti e frittume! ^^).
La ricetta arriva dalla tradizione anglosassone, contaminata poi da Donna Hay, e da chi prima di lei, sicuramente non sarà l’originale, come tutte le preparazioni della tradizione ingredienti e passaggi possono perdersi e modificarsi nel corso della storia, ma noi non ci sottilizziamo!
Ingredienti (per circa 20 tartine)

Per la brisè
270g farina 00
3 cucchiai di zucchero (potete anche ometterli)
150g di burro freddo a pezzettini
2-3 cucchiai di acqua fredda se occorre

Per il ripieno
150g di mela sbucciata
100g di uvetta sultanina
50g di arancia candita
scorza di arancia
50g frutta secca a piacere (io consiglio le noci)
100g zucchero di canna
2 cucchiai di rum
30g burro 
cannella e noce moscata qb
Preparare la brisè facendo la fontana con la farina e zucchero, mettervi nel centro il burro freddo a fiocchetti e lavorare con le punte delle dita sino ad ottenere uno sbriciolato, unire un paio di cucchiai di acqua fredda e lavorare tanto quanto basta per ottenere una palla di impasto, non manipolate troppo per non riscaldare il burro, rischiereste di avere una frolla dura una volta cotta.
Avvolgere nella pellicola e conservare in frigo. *
Prepariamo il ripieno: in un pentolino mettere la mela tagliata a pezzettini, il rum, gli agrumi canditi, la scorza, l’uvetta e la frutta secca a tocchetti, le spezie ed il burro.
Cuocere a fiamma dolce per 10 minuti mescolando continuamente con un cucchiaio di legno.
La mela pian piano si sfalderà ed otterrete un composto denso ed aromatico. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare completamente.*
Stendere la brisè in una sfoglia sottile (2 mm, durante il corso ho notato che in tante tendono a tenere la frolla troppo alta, crostate e tartellette devono essere gusci croccanti ripieni, quindi olio di gomito e stendete la sfoglia sottile, se fatta bene e se ben infarinato piano e mattarello non si rompe!!!). Con un tagliapasta tondo ricaviamo tanti dischetti che andremo a sistemare nei pirottini da muffin, riempiamo ogni dischetto con un cucchiaio di farcia e decoriamo con una stellina di brisè (decorazione tipica delle Mince Pies).
Infornare a 180° per 15 minuti, devono dorare. Aspettare 10 minuti prima di toglierle dallo stampo.
Una volta fredde cospargere di zucchero a velo.
Questi dolci migliorano con il tempo, preparateli tranquillamente in anticipo e spolverateli con lo zucchero solo al momento di servire.
* Sia la brisè che il composto possono essere preparati con 3-4 giorni di anticipo e conservati in frigo.

comments powered by Disqus