2 June, 2011
Ho sempre detto quanto io ami la Primavera e i mesi del risveglio della Natura… ma ora per me la Primavera si tinge di rosso e di paura, terrore per quel “qualcosa” che da anni oramai è nell’aria e che scatena il caos nel mio corpo, un cortocircuito che porta i miei anticorpi a triplicarsi. Febbre, dolori lancinanti ai polmoni ad ogni respiro… e cortisone, cortisone per mesi e mesi… e le mani si gonfiano, il viso anche… le notti diventano eterne passate a fissare il soffitto alla ricerca di un sonno perduto a causa delle troppe medicine. 
Polmonite eosinofila… cause sconosciute (come capire quale sostanza in quel momento mi passi sotto il naso? Un polline… magari, sarebbe tutto più semplice… un fertilizzante spruzzato a chissà quanti chilometri di distanza? Forse…). Un anno capita… poi nulla per qualche tempo, poi di nuovo… l’anno scorso ennesima ricaduta a Maggio… cortisone fino a Febbraio… e oggi sono punto a capo.
Come mi sento… mi sento come se mi avessero trafitta da un capo all’altro, sono delusa e sconfortata… ma anche rabbiosa perchè a Settembre mi sposo e vorrei non presentarmi in chiesa odiando un corpo che non mi appartiene, odiando la mia immagine gonfia ed irreale che questo farmaco mi porta ad assumere. Io vorrei vivere semplicemente, senza sentirmi addosso questo fardello, senza sapere se tra uno o due mesi starò bene o male, vorrei poter fare dei progetti per la mia vita senza preoccuparmi della mia salute…
Vorrei amare la Primavera, amare l’aria che respiro senza guardare ogni singola foglia o fiore con timore e sospetto.
Chiedo troppo forse, e sicuramente scrivere tutto ciò non cambierà nulla… ma io sono arrabbiata e triste, sconfortata ed impaurita.
Scusate se scrivo, se rovino l’atmosfera di serenità di questo blog… ma non posso fingere che sia tutto ok, non ce la faccio più a sentirmi dire di essere forte, di combattere, non posso proprio.

Chiara
comments powered by Disqus