Bento di settembre e Riso alla Cantonese

11 September, 2010


Oramai la soluzione preferita da me ed Andrea quando pranziamo fuori casa è il bento, o meglio, quando il pranzo in questione non vuole essere occasione per sperimentare nuove cucine o ristoranti. Io ne apprezzo il lato estetico-creativo (nonchè la comodità di avere con sè il cibo senza bisogno di “procacciarselo” in bar di fortuna e spesso abbastanza affollati), Andrea ne apprezza sopratutto il lato…ehm… economico, ossia è davvero un bel risparmio se si considera che, volendo, in queste piccole scatolette può tranquillamente trovar posto un pasto completo (dal primo alla frutta), pur mantenendo dimensioni ridotte ( basta organizzare gli spazi!).

Per me oggi un bento molto capiente ad un unico piano, per Andrea la versione “schiscetta” in acciaio a 2 piani.


Bento Chiara:
  • Onighiri di riso ripieno con umeboshi
  • Cavolo romano al vapore
  • Fiori di rapanello
  • Zucca al forno
  • Scatolina con Ducca

Bento Andrea:

  • Riso alla Cantonese (ricetta sotto)
  • Nuggets di pollo
  • Due fette di Pane integrale al Kamut con crudo
  • Fiore di Rapanello

Riso alla Cantonese:
Cuocere il riso in abbondante acqua salata, scolarlo e metterlo da parte.
Preparare una frittatina bassa utilizzando una padella larga, una volta fredda tagliarla a piccole striscioline sottili sottili. Nella stessa padella far scaldare un cucchiaio abbondante di olio, rosolarvi il riso per qualche minuto, aggiungervi una manciata di piselli (anche in scatola, oppure surgelati avendo cura di lessarli in acqua bollente prima), una fetta spessa di prosciutto cotto tagliato a cubetti e le striscioline di frittata. Rosolare per bene il tutto, aggiungervi un paio di cucchiai di salsa di soya e regolare di sale (attenzione, la salsa di soya è abbastanza saporita, assaggiate prima di aggiungere altro sale).

comments powered by Disqus