Burro di arachidi… Homemade

30 January, 2012
Giacchè in questi giorni qui si parla di America, continuiamo a parlare della cultura d’Oltreoceano ^^
Tra i tanti miti sfatati durante il mio viaggio negli USA c’è quello del burro di arachidi.
 Ho avuto modo di assaggiarne di pessimo contenuto nelle scatoline monoporzione che alcuni B&b offrivano a colazione, un’esplosione di sapori dolci/salati all’interno del quale a stento si riconosceva quello dell’arachide; nei supermercati gli scaffali traboccano di barattoli colorati recanti la scritta Peanut Butter e alle casse degli autogrill io ed Andrea siamo incappati in una barretta snack lunga 20 cm costiuita da arachidi tenute assieme da… burro di arachidi… 
L’abbinamento preferito dai piccoli (e non) statunitensi è di questo burro unito alla gelatina di frutta (gelatina di uva mi pare, ma potrei sbagliarmi eh!), ho assistito parecchie mattine a New York al rito del sandwich composto da questi due ingredienti… da parte di un signore che all’incirca poteva avere l’età di mio papà… quando si dice “esser giovani dentro” ^^
Però, spezzando una lancia in favore di questa crema, ho anche visto tantissime marche di Burro di noccioline Bio in supermercati già citati il post precedente come Whoole Food (considerato da me e da altri quasi un tempio del biologico e il naturale), così come in Italia esistono altre creme/burri considerati sani (sani, non light) come quello di cocco o mandorle che non ci fanno subito storcere il naso come quello di noccioline, evidentemente il cattivo uso che ne si fa oltre Oceano ha fatto si che lo si etichetti come una cosa malsana e pessima.
Ma proviamo a pensare alle noccioline, quelle appena sbucciate non quelle salate degli aperitivi… ecco, non fanno parte forse di quella categoria di semi oleosi come le tanto acclamate mandorle e noci che sciami di nutrizionisti raccomandano tanto per l’elevato contenuto di acidi grassi e Omega 3?
Cookies al burro di arachidi

Ingredienti 
( ho ottenuto un vasetto da 250g. La quantità di miele e sale 
dipende dal grado di dolce/salato che preferite)

1 cup di arachidi sgusciate (non salate quindi)
due cucchiai di olio neutro (arachidi, riso o semi)
qb fleur de sel alla vaniglia (o sale fino comune)
un cucchiaino di miele

Frullare le arachidi nel robot, se volete un burro liscio (creamy) frullate sino ad ottenere una crema morbida, nel caso lo preferiate più granuloso (crunchy, come il mio) fermate il robot un po’ prima, quando avrete ottenuto una consistenza morbida ma non del tutto liscia. Per non rovinare gli olii contenuti nelle arachidi frullate ad impulsi in modo che il composto non si scaldi troppo (e il robot non si fonda!).
Durante questo passaggio ammorbidire il composto con l’olio.
Una volta ottenuta la crema della consistenza desiderata regolarne il sapore con il miele e il sale, non ci sono dosaggi precisi, andate a gusto. L’originale ha un sapore piuttosto forte, l’ho provato negli USA, io ho preparato il mio aggiungendo un cucchiaino di miele e mezzo di sale ed ho ottenuto un sapore delicato e tendente al salato… un consiglio? Preparatevi questi panini qua e spalmatecelo sopra… buonissimo!!!
Non volete spalmarlo?
… pazientate qualche giorno e vi farò mettere questo burro… nell’impasto dei Cookies! ^^

comments powered by Disqus