Gente di Boston… USA il viaggio continua.

16 January, 2012
Ma… non vi siete dimenticati il post del Lunedì vero? Quello sull’America….
Dopo la parentesi natalizia, persa com’ero tra panettoni e decori, cerco di riprendere un po’ in mano la narrazione… vediamo…
Dove eravamo rimasti?
Ah sì, avevamo lasciato Andrea nel Maine con un astice di gomma in mano! ^^
Quella è stata la nostra ultima cena sull’Oceano… il mattino dopo eravamo già in auto per Boston.
Inutile dirvi come cambi tutto una volta lasciati l’Oceano alle spalle, e qualcuno mi dirà ” Ma Boston è città portuale, si affaccia sull’Oceano”, ed è verissimo… ma l’Oceano profumato di salsedine, quello in cui ti perdi in sconfinate lingue di sabbia, quello dei gabbiani e delle balene… l’Oceano disseminato di boe galleggianti le cui campane squarciano il frastuono delle onde che si infrangono sulla scogliera di notte, di contrappunto al sordo lamento dei fari… quell’oceano ce lo siamo definitivamente lasciato alle nostre spalle per arrivare in una città dove  il suono dei clacson si sostituisce alle sirene dei fari, dove il profumo di salsedine si mischia a quello forte e inquinato del porto nella città vecchia.

La Red Line
Durante i nostri giorni di permanenza abbiamo visitato la città da cima a fondo, la nostra guida? La vedete nella foto qua sopra, sì sì proprio quella striscia di mattoni rossi sul marciapiede: un po’ come Doroty e lo Spaventapasseri seguivano il sentiero dorato, io ed Andrea abbiamo percorso tutta Boston a piedi seguendo la Red Line che disegnava un percorso tra i luoghi più caratteristici della città.
Little Italy… non si capiva? ^^
Ingresso del Boston Common
Bambini in divisa

Il MIT
Il Mercato vecchio, ora adibito a zona commerciale

Una delle locande più antiche situata nella Boston Portuale

Ma il fiore all’occhiello di questa città credo sia la sua famosissima università.
Chi di noi non ha mai fantasticato su Harvard, sui suoi edifici in mattoni rossi, il campus verde… onnipresente in quasi tutti i telefilm americani che divoravo al Liceo, meta ambita di ogni studente … trovarsi tra quegli edifici e respirarne il profumo di storia… la luce del mattino attraverso gli alberi… l’erba umida di rugiada, gli scoiattoli… gli studenti e i professori con pile di libri sotto il braccio… gente di Boston… gente di Harvard.

… continua…
comments powered by Disqus