Granola al tè Verde

12 February, 2015

DSC_9361

 

Il tè Matcha è una  polvere di un pregiato tè verde protagonista della famosa cerimonia del tè giapponese.

Ho avuto la fortuna di assistere a questa cerimonia durante i giorni di permanenza a Kyoto.
Ho un ricordo vivo e “colorato” di quella giornata, eravamo stati in visita al Kiyomizu-dera ( ve ne parlerò in un post dedicato al viaggio), una delle sette meraviglie del mondo, ci siamo arrampicati su per la collina immersa nei boschi sino al tempio di  Otowasan Kiyomizudera , abbiamo osservato il panorama mozzafiato dalla terrazza del tempio invasa da scolari in gita, perfetti nelle loro uniformi.

Sulla strada che conduceva il tempio vi erano tantissime piccole botteghe che in un certo senso possono ricordare i nostri negozi di souvenir, ognuna con statuette votive, carte da regalo e dolci… tantissimi dolci zuccherini confezionati in scatole di cartone fiorate ( è usanza acquistarne come ricordo nei banchetti a ridosso dei templi ), uomini e donne affacciati a questi negozietti  offrivano piccoli bicchierini di tè ai pellegrini che si apprestavano a percorrere la ripida strada che portava al tempio, tra inchini e sorrisi.
Proprio in questo groviglio di stradine, tra pagode e botteghe, abbiamo trovato una locanda nella quale si svolgeva questa antica cerimonia, ad eseguirla una giovane ragazza in kimono che, con il suo inglese un po’ nipponico, ci ha raccontato come  fossero necessari anni di studi dietro ad ogni momento che compone questo rito. Ogni oggetto aveva un preciso significato, dal punto esatto dove veniva collocato il recipiente dell’acqua sul tatami all’angolazione con cui veniva toccata e girata tra le mani la ciotola in cui veniva versata la polvere di tè Matcha.

Ovviamente non è necessario andare in Giappone per poterlo acquistare, oramai lo trovate in qualsiasi negozio che venda tè sfuso, ne esistono diverse qualità con diverse fasce di prezzo, i più economici sarebbero destinati all’uso in cucina (avrete sicuramente visto in passato torte e sablè verdi, quando ho aperto il blog nel 2009/10 era un po’ una moda utilizzarlo nelle ricette), io ne ho in casa un barattolo di qualità media mentre in Giappone ne ho fatto una  scorta di una qualità superiore perchè effettivamente il prezzo sul posto era piuttosto conveniente.

 

DSC_9329

DSC_9337

 

Come sempre, quando introduco un’ingrediente nuovo mi piace spendere due paroline per descriverlo.

Il tè Matcha
Il tè matcha è una varietà di tè verde che i coltivatori giapponesi fanno crescere a riparo dal sole e le cui foglie vengono raccolte a mano e poi trasformate in polvere attraverso l’utilizzo di mulini in pietra. Proprio grazie a questa lavorazione, il tè matcha è pregiatissimo e si presenta in polvere molto fine e profumata di un intenso color verde smeraldo, particolarmente ricco di vitamine, sali minerali, clorofilla e carotene.
Sappiamo che tutti i tè verdi sono preziosi in quanto contengono tanti antiossidanti, questa tipologia di tè _ secondo recenti studi_ dimostra contenere 137 volte il contenuto di antiossidanti dei comuni tè verdi, polifenoli e diversi aminoacidi, che riducono lo stress fisico e psicologico, e l’acido glutammico che agisce sul sistema nervoso centrale.
Il tè matcha è ricco di vitamine B1, B2 e C, beta-carotene, sali minerali, polifenoli e caffeina, i monaci buddisti che lo utilizzavano durante la meditazione.
Di conseguenza usatelo con parsimonia se foste particolarmente sensibili alla caffeina.
Ricco di  antiossidanti il Matcha è un ottimo rimedio antinvecchiamento, drenante e disintossicante,  si è rivelato essere anche un rimedio per prevenire le scottature solari e in grado di proteggere la nostra pelle dai possibili danni causati dai raggi ultravioletti. La sua azione protettiva sarebbe dovuta all’elevato contenuto di polifenoli presenti nelle foglie da cui si ricava la polvere.
Il matcha ha anche una funzione digestiva, calma le mucose dello stomaco e dell’intestino ed è utile nella cura di malattie di origine nervosa o infiammatoria che riguardano l’apparato digerente. In più, è un efficace rimedio contro l’iperacidità gastrica e protegge il fegato, è anche in grado di ridurre la sensazione di fame, per cui può essere utilizzato in regimi alimentari ipocalorici, anche grazie al suo effetto diuretico che aiuta nella perdita di peso.
Infine, il matcha sarebbe in grado di prevenire infarti o colpi apoplettici, tenere a bada diabete e ipertensione e di ridurre il livello di colesterolo nel sangue.

Nella vita di tutti i giorni giapponese il matcha viene utilizzato anche come colorante alimentare naturale, come spezia, nella preparazione di dolci tradizionali giapponesi e di cioccolatini e biscotti. Durante il mio viaggio in Giappone non ho fatto a meno di notare come i grandi marchi di dolci (dai gelati Haagen Dazs, ai  Ben&Jerry, KitKat, biscotti Oreo… ) avessero tutti una versione del prodotto al gusto Matcha.

DSC_9334

DSC_9356

 

Tempo: 10′ di preparazione e 40′ di cottura
Difficoltà: facile
Senza glutine ( utilizzate avena certificata) _  Senza Lattosio _ Vegan
Informazioni Nutrizionali _ 1 porzione  45 g  _ Calorie  237  _ Carboidrati   31,3 g _ Grassi  9,3 g _ Proteine 6,8  g

Da abbinare ad una fonte proteica come latte vegetale ( tra tutte le varianti sul mercato solo quello di soia è proteico, gli altri sono fonte di carboidrati), vaccino o yogurt senza zuccheri aggiunti ( vaccino o di soia. lo yogurt greco è in assoluto il più proteico).

Ingredienti

110 g di fiocchi d’avena integrali
50 g di fiocchi di riso integrali
50 g di fiocchi di quinoa
85 g di grano saraceno (in chicchi, quello che solitamente si usa per minestre o insalate di cereali)
30 g di olio di cocco (come spiegato qui è un olio/burro che acquistate nei negozi di alimentazione biologica e che si presta ad innumerevoli usi, alimentari e cosmetici, e dai numerosi effetti benefici. In alternativa usate tranquillamente un olio neutro come semi di girasole ecc)
70 ml di sciroppo d’acero (qui qualche curiosità su di esso)
20 g semi misti ( zucca, girasole…)
10 g semi decorticati di canapa
40 g di mandorle
2 cucchiai di polvere di tè matcha
pizzico di sale

Riscaldare il forno a 180°C e rivestire una grossa teglia con carta da forno.
Versare in una ciotola tutti i fiocchi, il grano saraceno, i semi e le mandorle tagliate a tocchetti grossolani.
In un pentolino scaldare leggermente l’olio in modo che sia ben fluido, unite lo sciroppo d’acero il pizzico di sale e la polvere Matcha. Mescolate con un cucchiaio in modo che tutte le polveri si sciolgano e il composto divenga ben fluido e liscio.
Versare il liquido sugli ingredienti secchi nella ciotola e con le mani “impastate” per bene in modo che tutti i fiocchi ne siano inumiditi.
Disporre il tutto sulla teglia rivestita ed infornare per circa 30 minuti, a metà cottura date una mescolata al tutto in modo da cuocere uniformemente tutto il composto.
I tempi di cottura, come sempre, sono indicativi in base al forno e al tipo di fiocco. fate attenzione perchè i fiocchi sono delicati e che bastano pochi minuti per bruciare tutto. passati i 30 minuti di cottura aprite il forno e verificate che siano dorati, se li vedete ancora “pallidi” prolungate la cottura di un paio di minuti senza perdere di vista il forno.

La granola si conserva per mesi in un contenitore di vetro a temperatura ambiente.

 

comments powered by Disqus