L’insalata di pollo preferita dalle mie allieve!

4 February, 2013

Un vento nuovo, frizzante… un vento brioso quello che in questi giorni soffia su Seregno, quel vento che fa alzare in rapidi mulinelli i coriandoli disseminati sul lastricato della piazzetta, piccoli pois colorati che ci ricordano che non esiste solo il grigio dell’inverno… ma che il cielo può ancora essere di quell’azzurro intenso, le nuvole bianche ed i primi bulbi che spuntano dalla terra sono colorati e profumano di primavera.
Quest’aria è elettrica, misteriosa come quella che accompagnava Mary Poppins in volo con il suo ombrello… profumata come quella arrivata assieme a Vianne ed alla sua Chocolaterie…
Questa mia aria profuma di frittelle, è allegra come le prime mascherine che incontro all’uscita dell’asilo, fragrante come il profumo del pane appena sfornato che mi accompagna dall’inizio di via Garibaldi fino alla sala da te di Luca, laddove il caldo aroma di caffè e croissant ti avvolge come una calda sciarpa di lana…
E’ a quest’aria che affido il mio grazie, in un soffio che corre accarezzando i rami scheletriti degli alberi, infilandosi tra le tegole e poi giù per i camini, sfiorando torri di mattoni rossi, baciando fiumi e laghi… grazie alle persone che sino ad ora ho incontrato, a Sofia che è arrivata da Pordenone, Federica che mi scrive dall’ Umbria, e Alessandra, Valentina, Jessica, Barbara… e a tutte le persone che sto per incontrare, a coloro che leggono silenziosi, e a quelli che invece commentano tutti i giorni ^^
Può una schermata di un pc rendere felici? 
Evidentemente sì, se dietro si nascondono persone d’oro!

Questa insalata di pollo è stata particolarmente apprezzata dalle ragazze che hanno pranzato con me durante i due corsi di panificazione appena conclusi, l’ho servita come ripieno per dei Bagels assieme a lattuga e pomodoro, ma può essere tranquillamente consumata come secondo abbinandola a delle patate lesse o insalate, oppure per farcire tramezzini e panini.

La particolarità di questa insalata è la cottura del pollo che spesso, in questo tipo di preparazioni, può risultare asciutto e “stoppaccioso” (termine tecnicissimo ovviamente).
Per ottenere un pollo morbido io utilizzo un particolare metodo di cottura che consiste nel portare a bollore una capiente pentola di acqua, una volta raggiunta l’ebollizione si spegne il fuoco e vi si immerge il petto di pollo intero (se molto grosso dividerlo in 2), a questo punto coprire con un coperchio e lasciare la carne in ammollo per almeno 5 ore.
Cosa succede?
La carne a contatto con l’acqua bollente si sigillerà, i succhi rimarranno contenuti in essa e, con le ore, lentamente si cuocerà fino al suo interno rimanendo saporita e morbida.
Una volta passate le 5 ore estrarre la carne dall’acqua e iniziare a sfilacciarla, sarà talmente morbida che lo potrete fare semplicemente con le dita, senza il coltello.
A questo punto inizia la vera e propria ricetta (adattabile anche con del pollo avanzato, chessò un pollo allo spiedo o un semplice bollito).
1 petto di pollo intero (se molto grosso dividerlo a metà)
coste di sedano
Maionese delicata (allo yogurt)
aneto fresco
sale, pepe
1 limone
Pulire le coste di sedano e privarle del filo, tagliarle sottili ed unirle nell’insalatiera assieme al pollo sfilacciato. Salare e pepare.
A parte spremere il limone e unire al suo succo la maionese, amalgamare con cura e versare sul pollo.
Concludere con una generosa spolverata di aneto fresco, regolare di sale e mettere in frigo per almeno un paio di ore (in modo che si stabilizzino i sapori).
Servire a temperatura ambiente.

Guardate come sono forzute le mie allieve dopo l’insalata di pollo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

comments powered by Disqus