Lussekatter… occhietti di Santa Lucia

13 December, 2010

 Ascolta! Nella notte oscura

La senti che giunge volando.

Ecco: é la Regina della Luce

Che canta piena di gioia.

Tutta vestita di bianco,

Con una corona di luce,

Santa Lucia, Santa Lucia!

Nel buio cielo del Nord

Splendono fulgide stelle;

Ormai il Natale è vicino,

Brillano tremolanti le candele.

Benvenuta dolce visione,

Dalla chioma splendente di luce.

Santa Lucia, Santa Lucia!
Credo che il freddo  Nord abbia in assoluto le più belle tradizioni e leggende che ricorrono nel periodo natalizio, prima tra tutte quella legata alla figura di Santa Lucia, che viene festeggiata anche in alcune zone d’Italia.
La Santa Lucia nordica viene nella notte del 13 Dicembre con la sua corona di candele, la tunica bianca e i suoi dolcetti, la tradizione vuole che in questo giorno la figlia maggiore si svegli alle quattro del mattino e prepari i pani dolci allo zafferano che servirà poi, vestita con una tunica bianca cinta da una fascia rossa, alla propria famiglia ancora a letto, le altre figlie invece vestiranno con una tunica bianca cinta da una fascia bianca.

Ed eccoli questi panini dorati e leggermente dolci, ottimi da soli, con un filo di miele di castagno o sciroppo d’acero, per non sovrastare troppo il sapore dello zafferano (che adoro nei dolci!).



Ingredienti (per 15 occhietti)
600g di farina 0
100g zucchero
100g burro
250g latte
1 uovo
1g di zafferano
2 cucchiai di acqua tiepida
25g lievito di birra
1 tuorlo sbattuto con un cucchiaio di latte
uvette

In un tegamino scaldare leggermente il latte sciogliendovi dentro il burro. Lasciar intiepidire. Aggiungervi zucchero e zafferano.
In una capiente ciotola sciogliere il lievito di birra nei due cucchiai di acqua, unirvi il latte con il burro e l’uovo intero, poco alla volta aggiungere  tutta la farina ed impastare sino ad ottenere un composto morbido e non appiccicoso (eventualmente aggiungere qualche cucchiaio di farina), passare a lavorare il tutto sulla spianatoia infarinata facendo le pieghe del secondo tipo. Lavorare così per una decina di minuti, chiudere il giro di pieghe formando una palla, lasciarla lievitare sulla spianatoia coperta con un canovaccio umido per circa 45 minuti.
Riprendere l’impasto lavorandolo nuovamente come prima, rifare la palla e farlo lievitare 30-40 minuti.
Dividere in 15 parti e con ognuna ricavare un lungo salsicciotto sottile quanto un dito o poco più, arrotolare le due due estremità andando a formare una S e lasciar lievitare per una mezzoretta sulla spianatoia, sempre comprendo con un canovaccio.
Riscaldare il forno a 220°C, preparare la placca ricoperta da cartaforno.
Spennellare ogni pane con il tuorlo sbattuto con il latte, decorare il centro di ogni spirale con un’uvetta.
Infornare per circa 10-12 minuti.
comments powered by Disqus