Overnight oatmeal … da passeggio

2 September, 2014

DSC_8631

 

 

Settembre.

Poche caselle del calendario ci separano dal mese estivo per eccellenza ma già nell’aria qualcosa è cambiato… mentre sto scrivendo sorrido perchè fino a pochi istanti fa guardavo smarrita lo schermo senza sapere cosa scrivere ma è bastato leggere quella parola e un fiume di immagini mi hanno letteralmente travolta, e ora rido tra me e me perchè adoro questa sensazione, sentire il TIC TAC delle dita sulla tastiera e liberare completamente la mente riversando in questo mio mondo tutti i miei pensieri.
Come sempre niente scalette, non so minimamente dove mi porterà questo post, ma direi che “ci piace” così ^^

Settembre mi ha salutato dalla vetrina del mio fruttivendolo con una enorme zucca arancio a far capolino tra i sacchi di noci, con lui ad attendermi con in mano una cassetta di funghi Portobello fatti arrivare appositamente per il blog dal mercato Ortofrutticolo di Milano… settembre ha colto alla sprovvista me ed Andrea ieri sera a cena, quando ci siamo resi conto che occorreva accendere la luce perchè improvvisamente in cucina era calata la penombra…
Settembre profuma dell’aria fresca del primissimo mattino, quando fuori è ancora notte e io vado a macinare in solitudine i mie chilometri, godendomi quel silenzio e quella pace che divido solo con altri pochi runner nel silenzio del Parco… e Settembre profuma di quelle gioie di cui non posso più godere, il profumo dei quaderni ancora immacolati e dei libri nuovi…

E la vita va avanti, corre sui numeri del calendario… i primi corsi di ottobre da organizzare, i numeri di Oggi Cucino Speciale pronti per la stampa e le prossime consegne che profumano già di Natale.

 

 

IMG_20140901_182012IMG_20140830_161832

 

Se il blog durante l’estate ha rallentato il ritmo, l’attività su Instagram procede a ritmi serrati, ho scoperto una comunity costellata da persone favolose con le quali ti viene difficile non condividere con una fotografia ogni singolo istante della tua giornata, un via vai di commenti e messaggi, persone nuove che scopri di giorno in giorno, “vecchie” affezionate che non mancano mai di darti il buongiorno al mattino.
In particolare è proprio grazie a loro che di giorno in giorno mi vengono forniti nuovi spunti per questi post, spesso tante cose le do’ per scontate – come nel caso dei vasetti di oatmeal – ma dal numero di commenti e domande che le foto qua sopra hanno scaturito… bè forse tanto scontate  non sono.

Già qui vi avevo proposto la ricetta dell’oatmail, una colazione nutriente e sana da consumare con calma al mattino… ma è anche vero che spesso il tempo manca e per una cosa o l’altra si è costretti a mangiar qualcosa al volo o addirittura uscire di casa digiuni per poi fiondarsi nel primo bar che si incontra lungo la strada.
Questa versione “da passeggio” è pensata appositamente per chi è sempre di corsa, in voga negli USA e poco conosciuta in terra nostrana, prevede la preparazione del vasetto la sera prima in modo da dover essere solo acciuffato dal frigorifero prima di uscire per casa.

Nella versione linkata sopra abbiamo un overnight oatmeal piuttosto morbido, ideale da essere consumato in ciotola, ma nelle versioni da vasetto si preferisce lavorare con ingredienti che assicurino maggior compattezza al prodotto finale. Via libera a yogurt vaccino o di soia, oppure semplice latte e semi di chia a sfruttare la loro capacità di trasformare in “budino” i liquidi in cui vengono immersi.
A tal proposito vi invito ad accantonare per una volta il solito latte vaccino per provare la grandissima varietà di latti vegetali sul mercato. Non storcete il naso  ^^ perchè non esiste solo il latte di soia, io ultimamente vado matta per quello al riso e nocciola che trovo al biologico.
Unica raccomandazione, controllate le etichette, non vi devono essere zuccheri aggiunti (leggete qui il motivo) .

Il concetto dei vasetti è quello di lavorare per strati con yogurt (o latte + semi di chia), fiocchi di cereali (quelli naturali, non i corn flakes ), semi o frutta secca e frutta fresca di stagione.
Durante la notte i fiocchi si ammorbidiranno grazie allo yogurt ( o latte) e i semi ( o frutta secca) si idrateranno divenendo più morbidi, il sapore della frutta si amalgamerà dando origine ad una colazione super saporita e naturalmente dolce (senza bisogno di aggiungere dolcificante).

Realizzazione

Io utilizzo un vasetto in vetro da conserva piuttosto capiente, la frutta occupa volume, giusto per darvi un’idea in foto vedete un Bormioli da 500 ml.

  • Nella versione con yogurt utilizzo 250 g di yogurt bianco non zuccherato ( per me di soia), circa 40-50 g di fiocchi ( avena o orzo o farro), circa 20-30 g di frutta secca o semi (di zucca o girasole) e frutta di stagione (nelle foto potete vedere che ho utilizzato fichi, mango, pesca, frutti di bosco…).
    A piacere potete iniziare a comporre il vostro vasetto con uno strato di yogurt, un piccolo strato di fiocchi di cereale, una manciata di semi, altro yogurt, frutta eccc… L’importante è che i fiocchi di cereali stiano a contatto con lo yogurt in modo da ammorbidirsi durante la notte.
    Date pure un’occhio agli esempi fotografici riportati qua sopra e sbizzarritevi! ^^
  • Nella versione con latte e semi di chia procedete nel seguente modo: in una ciotola disponete 40 g di fiocchi di cereale e 1 cucchiaio di semi di chia, irrorate con una tazza di latte a vostra scelta, mescolate e conservate in frigo coperto per circa un’ora. In questo tempo di riposo i semi di chia faranno la loro piccola magia trasformando il composto da liquido in budinoso.
    A questo punto potete iniziare a comporre il vostro vasetto alternando uno strato del composto preparato con frutta fresca, semi, frutta secca ecc.

Ovviamente tutti i vasetti vanno preparati la sera prima, chiusi con il loro coperchio e conservati la notte in frigo… non scordate il cucchiaino!

Buon divertimento!

 

comments powered by Disqus