Patè de Speculoos (By Cavoletto)

20 October, 2010
Non so dalle vostre parti, ma qua “al Nord” le temperature scendono sempre più velocemente, se fino ad una settimana fa mi bastava una sciarpina di cotone e un maglione, ora non posso fare a meno di uscire con il piumino e quasi quasi ci metterei anche un paio di guanti (in genere inizio con l’indossarli ad Ottobre e li tolgo in Aprile!), ieri  la nuvoletta di vapore ha fatto capolino non appena ho espirato l’aria fredda del primo mattino e un tappeto di foglie rosse e oro mi ha accompagnata per le viette di una Seregno infreddolita e avvolta da una lieve nebbia. Il sole, fortunatamente, è ancora tiepido e i suoi raggi riscaldano ancora un pochino prima del grande freddo che ci accompagnerà per i prossimi mesi. Ogni stagione ha i suoi profumi e bellezze, non mi stancherò mai di ripeterlo, i colori caldi dell’autunno presto faranno posto a quelli freddi e sbiaditi dell’inverno, l’odore di legna bruciata ci accompagnerà per diversi mesi, così come quello delle spezie …

La ricetta di oggi vuole essere un doppio omaggio, prima di tutto alla sua “mamma” (in tutti i sensi dato che è in dolce attesa! Augurissimi! ) ovvero Sigrid di Cavoletto di Bruxelles che da una settimana è in libreria con il suo secondo libro e, ovviamente, è di un bello… ma di un bello che non potete immaginare! In primis le foto, quasi dei quadri dipinti, chiare e luminose, fresche e pulite… e le ricette, bhè chi già conosce il suo blog sa benissimo che si va sul sicuro! Ma tornando al doppio omaggio… una cremina profumosa e cannellosa che sa tanto di mesi invernali, un omaggio all’Autunno e all’Inverno che verrà, con i suoi profumi ed i suoi sapori qui racchiusi in un barattolino di vetro.
Ingredienti (per un vasetto grosso)
150g di speculoos
60g di miele
30g di zucchero di canna
100ml latte
50ml di olio vegetale
90g di cioccolato bianco
Per prima cosa disporre i biscotti su una teglia ricoperta da cartaforno e scaldarli per 10 minuti nel forno a 150°C, lasciarli intiepidire e frullarli sino ad ottenere una polvere che andrete a mettere in una capiente ciotola, unirvi il cioccolato bianco tagliato in pezzettini con un coltello a lama affilata.
In un tegame scaldare il latte unito allo zucchero di canna e miele, non deve bollire, mescolate con cura fino a quando non si saranno sciolti per bene gli ingredienti, versare il liquido ottenuto nella ciotola contenente biscotti e cioccolato, mescolare vigorosamente con una forchetta in modo da sciogliere per bene il cioccolato ed ottenere una crema liscia e fluida, per ultimo unire a filo l’olio vegetale (io ho usato un olio ai cereali) ed amalgamare con cura.
Invasettare e conservare al fresco.

NB Non essendoci nessun ingrediente “fresco” e deteriorabile la cremina può essere tranquillamente conservata in frigo e consumata nel tempo. In passato con altre preparazioni simili (ad esempio la mia crema al Gianduia)  nonostante ci fossero ingredienti come latte o burro,  il prodotto si è tranquillamente conservato per diversi mesi (questo perchè il latte/burro è sempre stato scaldato durante la preparazione, quindi cotto).

NB Tutti gli ingredienti utilizzati in questa ricetta appartengono ai prodotti Equo Solidali (cioccolato, zucchero di canna), gli Speculoos sono di una nota marca Bio, questo a ribadire che al primo posto viene la qualità degli ingredienti base. 
comments powered by Disqus