Pollo saltato con germogli ed insalata di alghe e carote… Japan Style!

28 December, 2010

La facciamo una ricetta in tandem?
Bhe, in tandem non tanto per l’alimento cucinato… ma per il piatto sì… inteso proprio come “Il piatto” di coccio a fiorellini, lei rettangolare e io tondo, comprati da Kathai il famoso sabato di cui ho già parlato qui, anche la ciotolina arriva dritta dritta da lì, così come le bacchette (assieme a tutta una serie con raffigurate delle geishe di tutti i colori).
La ricetta delle alghe appartiene alla raccolta “Cucinare con le alghe”, un libretto comprato nel supermercato/tavola calda biologica in cui abbiam pranzato quel giorno. Nell’originale queste alghe vengono poi saltate con del tempeh (o seitan), io le ho abbinate ad un pollo marinato che già in passato mi ero inventata. La marinatura è a base di salsa di soia e mirin… e in cottura il risultato finale è un sapore molto simile al marsala! ^^
Dedico questo post alla mia amica Patty che giusto ieri mi diceva che voleva mangiare qualche alga, queste non sono le Wakame, ma le Arame che necessitano di una prima bollitura (le Wakame possono essere consumate semplicemente dopo averle ammollate per 15 minuti in acqua tiepida).
Ingredienti per il pollo saltato (per 2)
2 fette di petto di pollo tagliate a striscioline
2 cucchiai di salsa di soia
2 cucchiai di mirin (liquore di riso giapponese, utilizzato per cucinare)
1 cucchiaio di acqua
germogli di soia (vanno bene anche quelli cotti al vapore che si trovano in scatola, nel mio caso due lattine)
semi di sesamo

Per l’insalata di alghe:
2 carote sbucciate e tagliate a julienne
15g di alghe arame
succo di un limone
un cucchiaio di salsa di soia

Qualche ora prima del pasto mettere a marinare il pollo con la salsa di soia, il mirin e l’acqua, coprire con della pellicola e conservare in frigo.

Sciacquare le alghe e metterle in ammollo per circa 15 minuti, poi farle cuocere in acqua bollente per 5 minuti, scolare e metterle da parte.
Pulire e tagliare le carote, spruzzarle con poco limone per non farle appassire.
In un wok caldo e leggermente oliato far saltare il petto di pollo con tutta la sua marinata (sentirete un profumo che ricorda molto il Marsala!), rimestate continuamente con un cucchiaio di legno in modo che la carne non si attacchi e cuocia su ogni lato, verso la fine cottura unite i germogli di soia scolati e fate insaporire. Unite infine una manciata di semi di sesamo. Mettere da parte tenendo in caldo.
Nella stessa pentola (in cui sarà rimasto ancora un po’ della marinata) far saltare velocemente le carote (che cuoceranno ma rimarranno croccanti), unirvi le alghe scolate e se vedete che il composto tende ad asciugare troppo aggiungete un cucchiaio di salsa di soia. Fate saltare il tutto per un paio di minuti, a cottura ultimata spruzzate con il succo di mezzo limone ed inpiattate.

comments powered by Disqus