“Primosale” di mandorle germogliate e salvia

8 February, 2016

DSC_1641

Ennesimo post scritto direttamente dal letto, trentacinquesima settimana di gravidanza e schiena letteralmente a pezzi. Nonostante questo, le attività in cucina proseguono sia per il blog che per le riviste, a tal proposito vi ricordo che mi trovate ogni mese in edicola con Oggi Cucino Mag. è gli Speciali di Oggi Cucino (un mensile che propone un tema specifico ad ogni uscita, Febbraio è il mese del Fritto e vi propongo delle ricette inedite a base di tofu, dal finger food alle spinacine da abbinare ad un ketchup homemade) .

Nelle ultime settimane sto sperimentando molto con la cucina crudista: al di là dei soliti smoothie (se fate una ricerca col tasto CERCA potete trovare anche una simpatica iniziativa fatta esattamente un anno fa, 30 ricette per 30 giorni a base di green smoothie) ho iniziato a giocare con frutta secca ed essiccata, tra le varie preparazioni ho realizzato un formaggio vegetale a base di mandorle germogliate. Già in passato avevo proposto dei formaggi vegetali ( questo) ma raramente mi era capitato di lavorare con le mandorle.

In queste preparazioni la frutta secca deve essere necessariamente cruda, ossia comprata con la pellicina, questo perché il primo e fondamentale passaggio all’interno della preparazione consiste nel reidratare per una notte la mandorla, la frutta secca pelata subisce un processo di cottura ( tramite vapore o tostatura) che rende impossibile questo primo passaggio, questo vale anche per la preparazione di latti di mandorle o cheesecake crudiste.

 

DSC_1637

 

Il formaggio ottenuto dalle mandorle ha un sapore neutro, quasi una ricotta, il mio consiglio è di personalizzarlo a piacere con erbe aromatiche ( io ho scelto la salvia essiccata,  ma potete optare anche per un mix di erbe provenzali… o spezie come la paprika dolce affumicata…).

Utilizzatelo nella preparazione di  tartine abbinato a verdura cruda, o per farcire panini e piadine… e perché no, anche nella farcitura dei ravioli di magro!

 

DSC_1642

 

Tempo: 1 notte di ammollo + 24 ore di germogliazione + 10 minuti di preparazione + 2 giorni di riposo
Difficoltà: facile
Senza glutine, vegana, crudista
Informazioni Nutrizionali ( per formaggella)  _ Calorie 880  _ Carboidrati 6,8 g _ Grassi 82,9 g _ Proteine 33 g

Ingredienti ( per una formaggella da 200 g circa)

150 g di mandorle con la pellicina (è fondamentale che non siano già pelate)
1 cucchiaino di sale*
2 cucchiaini di salvia essiccata

Strumenti

un buon frullatore
un sacchettino per colare il latte vegetale ( io li acquisto su Amazon, costano veramente poco ed una volta che lo avete ci fate di tutto)
un colino a maglie fini

* aumentate in base al vostro gusto

Ponete le mandorle in una capiente ciotola, ricopritele con abbondante acqua e lasciatele riposare a temperatura ambiente per 12-14 ore.
Passato questo tempo di riposo buttate l’acqua e togliete la pellicina alle mandorle, durante l’ammollo si saranno reidratate per bene e l’operazione sarà molto semplice e veloce.
Una volta che avrete pelato le mandorle mettetele in una ciotola all’interno di una credenza e lasciatele germogliare per 24 ore, durante questo periodo di tempo irroratele di acqua un paio di volte, lasciandola poi scolare per bene in modo che non rimangano ristagni.
Ponete le mandorle all’interno del vostro frullatore con un goccio di acqua, azionate le lame e frullate. Dovete ottenere una poltiglia cremosa, unite il sale e la salvia essiccata e frullate sino ad ottenere un composto liscissimo.
Ponete il vostro formaggio nel sacchettino e strizzate molto forte in modo che tutto il liquido in eccesso venga eliminato. Ponete il sacchetto in un colino a maglie fini posto sopra ad una ciotola, ponete sopra di esso dei pesi (scatole di pelati o legumi secchi) e lasciate riposare a temperatura ambiente per una giornata, di tanto in tanto strizzate il sacchetto. In questo modo tutti i liquidi in eccesso saranno eliminati.
Una volta che il vostro formaggio sarà ben colato, avvolgetelo in un foglio di carta assorbente da cucina ed inseritelo all’interno di  uno stampino ( che può tranquillamente essere una cocottina da forno o una fuscella da ricotta) e ponetelo in frigorifero per due giorni.

A questo punto il vostro formaggio di mandorla è pronto per essere utilizzato.

comments powered by Disqus