Sciroppo di curcuma, zenzero e limone _ Rimedi Naturali _

20 September, 2017

 

Ho un vivo ricordo del Natale 2015, vivo e dolce, ero in cinta di Annika, da poco entrata nel terzo trimestre e non ancora del tutto priva di nausee gravidiche, nonostante ciò mi sentivo bene ed in piena forma ( credo che in quel periodo non avessi ancora neanche preso un kg nonostante la gravidanza già avanzata), la settimana di inizio dicembre la passai in una meravigliosa Londra natalizia assieme a mia mamma e il week end successivo Andrea prenotò il Trenino Rosso del Bernina che ci portò sino a St Moritz dove passammo due giorni di completo relax tra terme e passeggiate tra i laghi ghiacciati… poi il Natale, passato in volo verso New York dove trascorsi una settimana meravigliosa in questa città che ho imparato ad amare.

Questa preparazione risale proprio a quel periodo, settimane passate tra raffreddori e mal di gola che, complice le difese immunitarie basse a causa della gravidanza, non mi davano tregua. Non potendo assumere quantità spropositate di spray per la gola e medicinali vari trovai la ricetta di questo “sciroppo” a base di curcuma e miele.
Da quel momento al minimo segnale di  raffreddamento preparo questo “intruglio” che sino ad ora mi ha sempre bloccato sul nascere qualsiasi infiammazione alla gola, andando anche a migliorare lo stato influenzale in generale.

Già in passato avevo parlato di questa spezia, la curcuma:

La curcuma è la spezia d’oro, non tanto per il suo colore ma sopratutto per le preziosissime virtù.
Fino a qualche anno fa faticavo a trovarla, ora grazie alle mode alimentari la trovate anche nei supermercati, si dice che faccia bene ma forse non si sa bene per quale motivo.
Tralascio le origini storiche per motivi di tempo/spazio ma sappiate che già gli Assiri la utilizzavano!
Introdotta in occidente dagli Arabi, essa è nota per le sue proprietà antiinfiammatorie, tanto da essere paragonata… al cortisone! (ma senza gli effetti collaterali di tale farmaco)
Gli studi degli ultimi decenni hanno confermato le proprietà antiossidanti in grado di contrastare l’insorgere di diverse malattie che interessano le mutazioni del Dna e che formano malattie precancerose, inoltre ritarda l’invecchiamento dei tessuti e ha azione preventiva nell’insorgere delle malattie degenerative.
L’ American Institute for Cancer Research incoraggia l’utilizzo di questa spezia come scudo protettivo contro lo sviluppo del tumore alla mammella, dell’esofago e stomaco, del colon e della pelle. Questa spezia favorisce l’apoptosi (ovvero induce al “suicidio” le cellule cancerose) bloccando la proliferazione delle cellule tumorali.
Le proprietà della curcuma aumentano nel momento in cui viene consumata contemporaneamente a soia e pepe nero.

Nell’industria alimentare è utilizzata come additivo naturale e compare con la sigla E 100 , un colorante naturale.

Come ben sappiamo il fegato ha l’importante funzione di pulizia del sangue e dell’organismo in generale, quest’organo è il maggio beneficiario delle proprietà della curcuma, grazie al mix di sostanze in essa contenute , questa spezia è un’eccellente rimedio contro i problemi legati al sovraccarico epatico. Recenti ricerche di laboratorio hanno dimostrato che essa è stata capace di ridurre i livelli di transaminasi, enzimi che in grandi quantità  indicano un serio danno al fegato.
Infine la curcuma è un ottimo “farmaco” in presenza di calcoli biliari.

 

 

 

Ingredienti

100 ml di miele di eucalipto ( o miele comune, quello di eucalipto ha proprietà balsamiche )
2 cucchiai di curcume in polvere ( o radice fresca)
un pezzo di zenzero fresco grattugiato
un paio di macinate di pepe nero
il succo di un limone

Ponete tutti gli ingredienti in un pentolino e mettetelo sul fuoco, bastano pochi secondi per riuscire ad amalgamare il tutto ( il miele deve giusto intiepidirsi, non cuocere), mescolare bene per rendere tutto omogeneo e invasettare.
Conservate lo sciroppo in frigorifero per massimo 4 giorni.

Come si usa: al primo segnale di mal di gola sciogliere lo sciroppo ( 1 cucchiaio) in acqua calda e bere come se fosse una tisana, il rimedio è efficace se preso almeno 3 volte al giorno. Non sciogliete lo sciroppo nel latte ( vaccino o vegetale) perchè il limone farebbe cagliare il tutto ( vi ritrovereste con i fiocchi di latte ).

comments powered by Disqus