Strudel alle patate, castagne e funghi

20 April, 2010


Se non la posto ora non lo faccio più fino all’autunno prossimo!
Ricetta un po’ autunnale direi, preparata un mesetto fa (quando il tempo ancora lo permetteva) e che da un po’ giaceva in archivio.
Si tratta di uno Strudel salato, ma non di quelli “Srotola la sfoglia della Buitoni e via” , no no, sono contro agli Strudel (dolci e non) e torte salate fatte con le paste sfoglie o brisè, e non tanto per il fatto che si trovano già confezionate, quanto per il risultato finale: i sapori di queste basi già pronte sono talmente forti che coprono tutto il resto col risultato di rendere tutte le preparazioni uguali tra di loro! Fateci caso…
Ci vuole un attimo per fare la pasta per queste torte, potete prepararla in anticipo e lasciarla in frigo avvolta nella pellicola anche un paio di giorni, come per la frolla dolce, e la cosa più bella è che potete personalizzarvela a piacere in base al tipo di ripieno.
Per farvi un esempio, a Gennaio ho realizzato una torta salata aromatizzando la frolla con della farina di mandorle, il ripieno era a base di zucchine e salmone e l’abbinamento con la mandorla era fantastico ( Torta di salmone in crosta di mandorla).
Per questo Strudel invece ho realizzato una “finta Sfoglia” come la chiama il ricettario, altro non è che una pasta Strudel alleggerita dalla presenza della ricotta anzichè del burro o olio, il ripieno invece e costituito da castagne, patate e funghi aromatizzati con maggiorana e prezzemolo. La pasta è stata volutamente salata pochissimo in modo da esaltare al massimo i delicati sapori del ripieno (cosa che non sarebbe mai riuscita utilizzando la brisè o la pasta sfoglia già pronte).

Ingredienti
per la pasta
150g di farina bianca
130g di ricotta
60ml latte
un pizzico di sale

per il ripieno
300g di funghi di stagione (io ho usato dei porcini surgelati)
3 patate medie
200g di castagne precotte (dalle mie parti si trovano nel banco frigo della verdura, sono castagne lesse già pelate e conservate sottovuoto, le utilizzo spesso nei dolci, nelle preparazioni salate o semplicemente da mangiare al naturale, da non confondersi con le castagne secche)
1 cipolla
1 spicchio di aglio

prezzemolo, maggiorana
1 tuorlo
30g di olio EVO
sale e pepe

Per prima cosa preparare la pasta: fare una fontana con la farina e mettervi nel centro la ricotta, un cucchiaio raso di olio, una presa di sale e lavorare con la punta delle dita in modo da incorporare ed amalgamare gli ingredienti. Aggiungere il latte poco alla volta e formare una palla di impasto, avvolgerlo nella pellicola e metterlo a riposare in frigo per una mezzoretta.
Preparare il ripieno: se usate i funghi surgelati fateli scongelare un po’ prima o passateli al microonde; pelate le patate, tagliatele a tocchetti e lessatele in acqua poco salata fino a quando risulteranno quasi cotte (continueranno la cottura in forno), se avete le castagne fresche incidetele e mettetele in acqua fredda, portate ad ebollizione e continuate la cottura per 30 minuti. Una volta fredde pelatele per bene rimuovendo anche la pellicina.

In una larga padella facciamo un imbiondire la cipolla tagliata fine con l’olio rimasto e lo spicchio di aglio, rimuoviamo quest’ultimo e versiamo i funghi. Rosolateli per bene fino alla cottura e successivamente aggiungete le patate e le castagne tagliate a metà (in modo che rimangano dei bei pezzettoni), profumate con gli aromi e aggiustate di sale e pepe. Lasciamo intiepidire.

Sulla spianatoia infarinata stendiamo la pasta, risulterà molto elastica e quindi potrete tirarla sottile sottile, quasi un velo.
Otteniamo un rettangolo di pasta e versiamoci nel centro il ripieno tiepido (badate che sia quasi freddo per non rischiare di sciogliere e rompere la sfoglia). Arrotolate per bene in modo da formare lo Strudel e ponetelo sulla placca del forno (o una teglia) con la chiusura rivolta verso il basso. Spennellate la superficie con il tuorlo sbattuto con un cucchiaio di latte ed eventualmente cospargete di semini (io ho usato i semi di papavero che hanno un gusto che ricorda molto quello della nocciola, ottimo abbinamento con il ripieno autunnale dello Strudel).

Preriscaldiamo il forno a 180° C e inforniamo per circa 35 minuti.
Lo Strudel è cotto quando sollevandolo vedrete la base biscottata e non più umida.
Consiglio di prepararlo in anticipo e di affettarlo una volta freddo, in modo che non si sfaldi.
Io l’ho preparato al mattino e consumato alla sera facendolo leggermente intiepidire in forno, la rimanenza l’ho conservata in frigo e mangiata il giorno dopo.
comments powered by Disqus