Tiramisù alle Fragole

14 March, 2010

Chi mi segue su Fb ha notato, tra le varie foto del mio album “Qualcosa di dolce” una foto super fragolosa raffigurante… un Tiramisù. Tante di queste persone mi hanno poi scritto privatamente chiedendomi come mai la ricetta non fosse ancora stata inserita nel mio blog, effettivamente essendo un dolce preparato quasi 2 anni fa, ed essendo il mio blog attivo solo da Settembre 2009, volevo aspettare la stagione giusta per postare questa preparazione, anche perchè per avere ottimi risultati occorre utilizzare delle fragole dolci e mature e solo ora iniziano a vedersi sui banchi del mercato. Ad essere sinceri io vi consiglierei di pazientare ancora un mesetto, io ho realizzato il Tiramisù a fine Aprile, in occasione della Festa di santa Valeria (la festa del mio paese) che cade il 28 Aprile e le fragole erano dolcissimissime, ho fatto anche diversi vasetti di marmellata che conservo gelosamente in dispensa, per le occasioni speciali!
Oggi inizio a spiegarvi passo a passo la ricetta, e colgo l’occasione per partecipare al Contest “Tiramisù” indetto dal Blog La cucina italiana.


Ho ricordi molto piacevoli legati a questo dolce, o meglio, alla preparazione del dolce. Proprio in quei mesi, infatti, mi sono avvicinata alla cucina: non che prima non cucinassi, anzi, con l’inizio dell’ Università (Accademia di Belle Arti) ho iniziato ad avere più tempo anche semplicemente per cucinare io a mezzogiorno e alla sera, ma in quei mesi ho iniziato proprio a seguire i vari Foodblog e a dedicare maggior cura alla scelta, preparazione e realizzazione delle varie ricette.
In particolare con questo tiramisù, che è il dolce che non manca mai in occasione di questa festa, ho sperimentato qualcosa di “nuovo” rispetto alla ricetta classica con cacao e caffè. Inizialmente ho dovuto scontrarmi con lo scetticismo da parte dei più tradizionalisti (leggi mamma, papà e fratello), ma per una volta ho fatto di testa mia.
Il risultato? Bhe, io non l’ho neanche assaggiato, fate voi, sparito nel giro di trenta minuti.

Per quanto riguarda i tempi di preparazione, siccome per questa festa iniziamo a preparare dolci la settimana prima (attorno a casa mia c’è una Fiera con centinaia di bancarelle che dura qualche giorno, viene gente da tutti i paesi limitrofi per visitarla e i vari amici e parenti piombano a casa nostra per mangiare la torta, quindi si prepara un bel po’ di cose per accontentare tutti) il Tiramisù l’ho sempre preparato in anticipo e poi surgelato fino al giorno della consumazione, oltre a conservarsi molto bene ho notato che risulta anche migliore che realizzato il giorno prima, in quanto gli ingredienti hanno diverso tempo per omogeneizzarsi per bene, in più se avrete l’accortezza di toglierlo dal congelatore la sera prima della consumazione il scongelamento sarà perfetto.
Seconda precisazione a riguardo dei tempi, come leggerete in seguito occorre far macerare le fragole in zucchero e limone, in modo che si vada a formare un sughetto fragoloso, io consiglio di far durare questa operazione per una notte intera.

Ricordo con piacere che il giorno in cui ho assemblato tutti gli ingredienti (una domenica mattina, dopo una notte di macerazione delle fragole) ho passato una piacevolissima mattinata assieme al mio amico Dany (tante volte citato in questo Blog), a base di biciclettata per Seregno, visita ad una bancarella di libri (in cui ho comperato l’ennesima copia di Alice nel paese delle Meraviglie, per chi non sapesse i miei precedenti riguardo questo libro vi invito a leggere l’aneddoto postato qualche giorno fa), passeggiata al Parco e… giretto alle giostre dove Daniele ha vinto un pupazzo (alquanto terrificante direi) al tiro al bersaglio, pupazzo che è stato abilmente collocato sul cestino posteriore della mia bicicletta!

Parlarvi di questo dolce mi fa venir voglia di Primavera, i fiori che sbocciavano nel mio giardino… i profumi di incenso delle bancarelle e di fragola delle mie mani dopo aver decorato la torta… e dire che siamo a Marzo, mancherebbe poco…


Ingredienti
1/2 kg di fragole mature e dolci
1 confezione di savoiardi
250g di mascarpone
1 tuorlo d’uovo
100g di zucchero a velo
il succo di 2 limoni
6 cucchiai di zucchero

Lavare e mondare le fragole. Tagliarne 1/3 a pezzetti e lasciarle macerare nel succo di limone mescolato allo zucchero per una notte.
Scolare i pezzettini di fragole tenendo da parte il loro succo e frullarle grossolanamente in modo da non ridurle totalmente il purea.
Con uno sbattitore elettrico lavorare a crema il mascarpone con il tuorlo, unire lo zucchero a velo e le fragole frullate, con una spatola di gomma amalgamare con cura.
Bagnate i savoiardi nel succo di limone che avete tenuto da parte (il succo sarà rosa a causa della macerazione e saprà di fragola) e ricoprite il fondo di una pirofila (o bicchierini monoporzione), alternandolo ad uno strato di crema di mascarpone, procedete con gli strati fino a quando non avrete finito la crema. l’ultimo strato di crema andrà decorato poco prima di servire con le fragole tenute da parte all’inizio.

Come vi dicevo prima, ho realizzato il tiramisù con qualche giorno di anticipo e l’ho congelato (ovviamente senza la decorazione di fragole, quelle vanno aggiunte poco prima di servire), l’ho poi tolto dal congelatore 6 ore prima della consumazione in modo che la consistenza al momento di servire fosse simile ad un semifreddo di gelato anzichè cremosa come il tradizionale tiramisù. Se invece desiderate un dolce cremoso e “al cucchiaio” scongelate il dolce la sera prima.


Con questa ricetta partecipo al Contest
“il Tiramisù” indetto da “La Cucina Italiana
comments powered by Disqus