Torta di mele e semi (senza latticini)

21 March, 2012
Gli anni volano sin troppo veloci, mi sembra di essermi laureata ieri… di aver finito il Liceo pochi anni fa… e invece…
Ho un anello al dito, una cucina lilla tutta mia… e tanti ricordi tenuti stretti stretti, immagini che galleggiano nell’aria come tanti palloncini legati al mio polso con un sottilissimo spago, uno spago che potrebbe anche rompersi un giorno e far scomparire nel cielo questi palloncini sino a farli diventare piccoli puntini colorati, sempre più su… 
Con questo blog, oltre che cucinare e fotografare, cerco di fissare nella mia mente questi ricordi, le dita volano su questi tasti guidati dal cuore più che dalla mente, non una scaletta da seguire, solo frasi che scorrono dalla mia mente a ruota libera, inizio uno scritto con un pensiero… e finisco con un’altro.
Anni che volano, ricordi che sfumano… ma poi basta un messaggio sul telefonino, un’appuntamento in una domenica pomeriggio ancora grigia e umida di pioggia… e ti ritrovi davanti il volto sorridente della compagna di scuola, la stessa che per anni hai avuto seduta al banco dietro al tuo, quella con cui condividevi lo spogliatoio in piscina, quella che aveva il cavalletto davanti al tuo nelle ore di copia della modella… 
E allora capisci che potranno passare gli anni, i matrimoni, i momenti belli (e anche quelli brutti), ma le persone che hai nel cuore restano… per sempre.
Ingredienti (teglia da 24cm di diametro, 8 porzioni)

3 mele sbucciate e prive di torsolo
175g farina integrale
125ml latte di soia
100g zucchero di canna
1 uovo
2 cucchiai di uvetta
1 cucchiaio di nocciole ridotte in granella
1 cucchiaino di cacao amaro
1 cucchiaio di semi di girasole*
1 cucchiaino di semi di lino*
1 cucchiaino di fava tonka grattugiata (sostituzioni: cannella o noce moscata)
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
1 bustina di lievito per dolci

* Da quando ho scoperto l’altissimo valore nutrizionale dei semi non posso fare a meno di aggiungerli ovunque, dal porridge allo yogurt, frullati, smoothie ed impasti dei dolci. Per “altissimo valore nutrizionale” non parlo di calorie, ovviamente ne hanno parecchie ma  si parla di porzioni pari ad un cucchiaio… circa 30 kal per intenderci, il valore nutrizionale a cui mi riferisco riguarda l’elevata presenza di acidi grassi omega e lignani, sopratutto nei semi di lino.
 L’assunzione giornaliera dei semi di lino ( un cucchiaio da tavola ) può aumentare la densità ossea diminuendo il rischio di osteoporosi; la presenza di lignani e omega aiutano nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e cancro, aiutano nella riduzione del colesterolo cattivo e normalizzano i livelli di zucchero nel sangue.
I semi di girasole sono considerati uno dei più grandi patrimoni vitaminici del mondo vegetale. ricchi di vitamina E e grassi insaturi, hanno potere antiossidante.
Per prima cosa bisogna mettere a bagno l’uvetta in acqua tiepida per una trentina di minuti.
Sbucciare le mele e ridurle a fettine, spruzzarle con del limone e metterle da parte.
Accendere il forno a 180°C.
Nella ciotola della planetaria ( o in una grossa insalatiera) sbattere l’uovo con lo zucchero sino ad ottenere un composto spumoso e aggiungere a filo il latte di soia, sempre sbattendo il composto aggiungere poco alla volta la farina con il lievito. Quando il composto sarà ben amalgamato unire l’uvetta strizzata, i semi, la granella di nocciole, la fava tonka e l’estratto di vaniglia.
Unire al tutto le fettine di mela e amalgamare per bene con un cucchiaio di legno.
Preparare una teglia di diametro 24 cm, io di solito la ungo con un po’ di olio neutro (di riso o di semi), riempirla con il composto ed infornarla a 180° per 35-40 minuti.
Io ho conservato il dolce a temperatura ambiente coperto dalla campana di vetro per circa 3-4 giorni ed è rimasto umido e il sapore è migliorato man mano che passava il tempo.
NB Per la presenza delle mele questa torta rimane molto umida e cremosa al suo interno, nonostante l’apporto calorico di ogni singola fetta (1/8 di torta) si aggiri attorno a sole 180 kal circa.
comments powered by Disqus