E’ domenica: spezzatino ai funghi!!

3 October, 2010

 Le  domeniche mattine d’autunno hanno un che di affascinante con i loro cieli grigi e l’aria fuligginosa, carica degli odori umidi e terrosi delle foglie secche che si accumulano ai lati delle strade. Nei campi la terra smossa si prepara ad addormentarsi nel lungo letargo invernale, nell’attesa di quella candida coperta che tra pochi mesi oramai farà capolino, puntuale come ogni anno.
Le domeniche mattine profumano innanzitutto di caffè, ma non quelli bevuti di corsa durante la settimana, bensì un caffè dall’aroma carico e denso che dalla cucina sale lentamente verso le camere raggiungendoti sotto le coperte e risvegliandoti dal torpore domenicale.
Il pranzo della domenica è quello consumato in famiglia o con gli amici più cari, un pranzo i cui profumi iniziano a spandersi per la casa già dal mattino, le cotture lente mi abbandonano al piacere di cucinare, ingrediente dopo ingrediente come in una pozione magica, pian piano i profumi e gli sfrigolii invadono la cucina e le tradizioni vecchie di secoli ritornano in scena come in una commedia.



Ingredienti (per 4)
800g di spezzatino di vitello
1 carota
1 costa di sedano
1 vassoio di funghi freschi a fettine
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di olio
1 foglia di alloro
3 chiodi di garofano
timo secco
farina qb
brodo di carne caldo qb

Infarinare leggermente lo spezzatino, togliere l’eccesso di farina scuotendolo in un colino a maglie fini.
In una pentola o tegame scaldare l’olio con la carota e il sedano a pezzetti, aggiungervi la carne e farla rosolare su tutti i lati per qualche minuto, quando risulterà dorata bagnare con il vino e lasciar evaporare.
Aggiungere i funghi a fettine, la foglia di alloro e i chiodi di garofano e coprire tutto con un paio di mestoli di brodo bollente (la carne deve esserne quasi ricoperta a filo). Lasciar sobbollire per circa 5o minuti, fino a quando la carne risulterà tenera (a me piace cuocerlo fino a quando lo spezzatino tende a sfaldarsi).
Se durante la cottura il brodo tende a restringersi troppo bagnare con un cucchiaio di brodo caldo.
Una volta cotto spolverare con del timo secco e regolare di sale e pepe.
Servire accompagnando con della polenta.

Con questa ricetta e con questa partecipo al contest
comments powered by Disqus