Pumpkin Pie _ vegana, senza glutine _

31 October, 2017

 

 

Ho avuto la fortuna di visitare gli Stati Uniti per ben due volte, la prima proprio a ridosso dell’Autunno con i suoi colori e il caratteristico foliage tanto caro ai newyorkesi e la seconda nel periodo Natalizio.
Ricordo con nostalgia e malinconia questi viaggi, entrambi caratterizzati da eventi importanti della mia vita come il Viaggio di Nozze e l’attesa di Annika ( andai a New York a Natale, nel mio settimo mese di gravidanza), tra i tanti ricordi che porto con me da anni c’è quello delle zucche. Chi è stato negli States in autunno non può non aver notato come già sul finire dell’estate le strade si tingano dei colori di Halloween, ho guidato lungo i campi dell’Ohio con le sue distese di coltivazioni di zucche arancio ed i carrettini che invitavano a fare il self service nel campo per poi lasciare il proprio dollaro di pagamento nella cassetta posta su di essi. Durante questa stagione tutto ha il sapore della zucca ( che poi è quello della cannella) dalla panna per il caffè di Starbuck al Cappuccino, dalle gomme da masticare alla fetta di Pumpkin Bread servito nelle caffetterie per colazione.

Ho assaggiato la mia unica fetta di Pumpkin Pie nell’Ohio, a Berlin, una zona tipicamente abitata da Amish, ricordo che il Dinner in cui avevamo cenato era gestito proprio da una famiglia Amish e la loro torta di zucca era estremamente cremosa (forse troppo), e dal tipico sapore di cannella. Anni dopo, nel Natale 2015, trovai in una famosa catena di supermercati biologici a New York un barattolino di spezie per torta di zucca, sarà il ricordo di quel viaggio ed il carico affettivo ad esso collegato, l’ho subito acquistata ma solo oggi l’ho utilizzata per una Pumpkin Pie.

Vi lascio questa ricetta, carica di ricordi e densa di emozioni, una ricetta tipicamente autunnale ma che profuma già di Natale.

 

 

 

Ingredienti ( per una teglia da 22 cm)

160 g di farina di riso integrale
40 g di farina di grano saraceno
30 g di olio di cocco
10 cucchiai circa di acqua fredda
10 g di zucchero di cocco
un pizzico di sale

270 g di polpa di zucca cotta a vapore
150 ml di latte di cocco ( in lattina)
60 ml di sciroppo d’acero
3 cucchiai di semi di chia
1 cucchiaio di mix di spezie per torta di zucca o cannella

2 cucchiai di latte veg
1 cucchiaio di malto di riso

Preparate la frolla: miscelate le farine e nel centro versate l’olio di cocco ( in questa stagione oramai lo trovate solidificato, scaldatelo brevemente a bagnomaria per ottenere un olio ), unite il sale e lo zucchero. Impastate unendo anche l’acqua, io ho usato farine integrali e richiedono più liquidi, se utilizzate una farina di riso non integrale probabilmente ne servirà di meno. Aggiungete acqua ed impastate sino ad ottenere un panetto morbido, fate attenzione perchè è piuttosto friabile. Avvolgete la frolla in pellicola alimentare  elasciate riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti. Nel frattempo preparate la farcitura frullando la polpa della zucca precedentemente cotta e raffreddata con il resto degli ingredienti, dovete ottenere una crema liscia.

Stendete la frolla posizionando il panetto tra due fogli di carta da forno, essendo molto friabile vi aiuteranno a spianarla, portatela ad uno spessore di 2 mm e rivestite una teglia da crostata semplicemente adagiandovi il foglio di carta da forno contenente la frolla, con le forbici rifinite il bordo del foglio e modellate i bordi della frolla in modo da avere almeno 1 cm di crosta per contenere la farcitura. Versate la crema di zucca nel guscio di frolla e con gli avanzi decorate il dolce. Scaldate il latte vegetale sciogliendo in esso il malto di riso e spennellate la frolla per dare colore in cottura.

Pre-riscaldate il forno a 180° C ed infornate la torta per circa 50-60 minuti, il dolce è cotto quandola farcitura risulterà soda e gonfia nel centro. Una volta sfornata fate raffreddare la torta e conservatela in frigo per circa 4 ore prima di servirla.

Consiglio Servite il dolce a temperatura ambiente con un cucchiaio di panna di cocco spolverata di cannella.

 

comments powered by Disqus