Tegole al cacao

21 February, 2011

Il merlo che qualche giorno fa mi osservava dalla mangiatoia mentre io esultavo nel vedere un raggio di sole, neanche fossi Noè in mezzo al diluvio, ora si prende gioco di me mentre fuori i nuvoloni grigi hanno ripreso il sopravvento … e proprio lui, il merlo infame che da mesi nutro con mele appese ai rami e briciole di fette biscottate, è il benedetto pennuto che tutte le mattine alle 5 in punto inizia a fringuellare nel silenzio di una Seregno che ancora beatamente dorme (beata lei!). Per mesi mi son chiesta chi fosse il pennuto mattiniero… per carità un bel canto il suo, un gorgoglio sommesso che in un crescendo degno di un flautista (ehm ehm… permettetemela questa, d’ altronde sono una flautista anche io!) esplodeva in un canto che immancabilmente mi faceva saltare giù dal letto alle 5.15. Questa mattina l’ho visto, lui il merlo dal becco arancio, sulla sommità della betulla ancora scheletrica dinanzi alla mia finestra, per qualche secondo ci siamo fissati negli occhi e poi è volato via… voglio vedere se domani mattina osi ancora sfringuellare !
Comunque, caro merlo canterino, ecco il frutto dell’ennesima levataccia mattutina… ma credimi, le bricioline di questi proprio non te le meriti!

Ingredienti (per una trentina di tegoline)
2 albumi
100g di zucchero a velo
50g burro morbido
40g di farina
10g cacao amaro
granelle di frutta secca per decorare
Lavorare il burro morbido (toglietelo dal frigo un’oretta prima) con una forchetta e man mano aggiungetevi lo zucchero a velo, continuando a lavorare sino ad ottenere una crema. Aggiungere la farina setacciata con il cacao e gli albumi (non vanno montati a neve), continuare a lavorare in modo che non si formino grumi.
Coprire la ciotola con della pellicola e mettere in frigo a riposare per una mezzora abbondante.
Preriscaldare il forno a 160°C e rivestire la placca con cartaforno. Con un cucchiaino mettere un po’ di composto nella teglia e spalmarlo in modo da ottenere una cialda sottile sottile. Infornare per 6 minuti, dopo i primi 2 di cottura decorare velocemente con granelle di nocciole, mandorle o pistacchi. (Se lo fate prima rischiano di affondare nell’impasto).
Sfornate e staccate velocemente, con una lama, le cialdine e andatele ad appoggiare su di un mattarello in modo che raffreddandosi assumano la caratteristica forma ricurva.
Lasciar raffreddare bene prima di riporle in una scatola di latta.
comments powered by Disqus