Torta biscottata al Gianduia

25 June, 2010

Una torta per un’amicizia…
Accade che ad un certo punto della giornata arriva una telefonata e dall’altra parte dell’apparecchio c’è una voce che ti accompagna da più di 12 anni, un’amica conosciuta per caso ad una fermata del pullman e che da allora ti ha accompagnata fino ad adesso, passando dalla cartella di scuola al cappellino della laurea… e l’anno prossimo al velo da sposa…
Le amicizie, si sà, rimangono incise nella nostra pelle anche se con gli anni ci si sente un po’ di meno, le vite si diversificano e le compagnie cambiano, ma poi senti il bisogno di ritrovare te stessa e l’altra persona è un po’ il tuo specchio che ti rimanda la vera immagine di te, quell’immagine costruita a lungo termine negli anni e non frutto di recenti scelte o stili di vita.
Questa torta nasce per te, un’amica da sempre, tu che stai passando un momento difficile e che inconsciamente con questa tua richiesta – mi fai una torta?– mi hai regalato momenti di riflessione sulla mia vita sino ad oggi, sul nostro essere amiche e sui ricordi che ci legano.
La mia torta è questa, biscottata come croccante e dura può essere a prima vista spesso la vita… ma attenta perchè mordendola scoprirai il cioccolato fuso e morbido, perchè è l’apparente durezza delle cose che ci dona di volta in volta la sorpresa della dolcezza che il futuro improvvisamente può regalati, dolce come il pizzico di vaniglia a ricordarti come erano dolci gli anni della scuola in confronto alla vita vera, ed infine quei cuoricini di zucchero… pensali come ad un amuleto, il mio piccolo e personale porta fortuna per te!

Ingredienti (diametro 30 cm)
300g farina 00
70g zucchero di canna
100g zucchero semolato
1 uovo
125g burro lavorato a crema
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 presa di sale
150g di cioccolato Gianduia
50g di nocciole pelate e tostate
zuccherini porta fortuna
Accendere il forno a 180° C e rivestire una teglia da pizza con cartaforno.
Lavorare a crema il burro aggiungendo poco alla volta la miscela di zuccheri, amalgamare per bene con una forchetta sino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo, unire l’uovo e mescolare non troppo a lungo con un mestolo, quanto basta per farlo assorbire.
A parte, con una mezzaluna, ridurre il cioccolato a pezzetti e tritare le nocciole. in una capiente ciotola miscelare la farina con la vaniglia, il sale e il bicarbonato, aggiungere il cioccolato e le nocciole.
Unire la crema di burro al composto secco e con un mestolo di legno mescolare a lungo fino a quando tutta la farina verrà assorbita. Schiacchiare per bene con il cucchiaio il composto, risulterà molto sbricioloso, l’importante e che non sia più visibile il bianco della farina.
Rovesciate il composto nella tortiera in modo uniforme, livellate per bene la superficie e schiacciate con i polpastrelli la frolla, decorate con zuccherini (anche Smarties volendo), infornate per circa 20-25 minuti, fino a quando la torta avrà raggiunto un bel colore biscottato.
Nel momento di estrarre il dolce dal forno fate attenzione, la torta “a caldo” è morbida ed è impossibile estrarla dalla teglia. lasciar raffreddare completamente e solo dopo potrete tagliarla a fette o impiattarla.
La particolarità di questo dolce è innanzitutto la consistenza: a prima vista vi trovate di fronte ad una crostata dura ma… il Gianduia ha la particolarità di rimanere fondente e morbido all’interno dell’impasto (sopratutto ora che le temperature sono alte), sopratutto se avrete l’accortezza di tritarlo a pezzi grossi, le nocciole saranno un netto contrasto a questa morbidezza ed esalteranno il sapore nocciolato del cioccolato.

comments powered by Disqus