Meringata fondente al cioccolato

12 March, 2010

Le ultime settimane sono state all’insegna del cioccolato. Ho partecipato ad un contest indetto da Deleciously in cui bisognava proporre un dolce super-godurioso avente come ingrediente principale questo alimento. In casa ho diversi ricettari monografici aventi come tema il Cioccolato, avevo solo l’imbarazzo della scelta, ho perciò indetto una sorta di Comitato Assaggiatori costituito dai miei amici e ogni volta che preparavo un dolce i miei vicini di casa assistevano a strani e curiosi passaggi di “scartuzel” avvolti in carta argentata direttamente dal cancelletto di casa all’abitacolo delle automobili degli amici che passavano da casa mia dopo il lavoro, successivamente su facebook pubblicavo la foto del dolce e sotto ognuno indicava il proprio Gd (Goduria).
Il dolce che sto per presentarvi si è meritato un 3/5, io personalmente avrei votato almeno un 4 perchè non amo i dolci troppo elaborati e da un punto di vista di sapore la meringa contrasta dolcemente con le note amarognole del fondente al cioccolato e mandorle, e anche da un punto di vista puramente estetico impazzisco per il contrasto bianco e nero della torta, infine la texture: frolla croccante, cremosità del cuore fondente e morbidezza della meringa… da perderci la testa!

Ma veniamo a noi, la ricetta è attesa da molti che, sempre su Facebook, me l’hanno continuamente richiesta. Eccovi accontentati.



Ingredienti (per una tortiera da crostata di 22 cm di diametro)
Pasta: 1o0g di burro freddo a cubetti
150g di farina
30g di cacao in polvere
70g di zucchero a velo
1 tuorlo grosso

Farcitura: 150g di cioccolato fondente a pezzettini
4 cucchiai di panna fresca
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
60g di burro morbido
70g di zucchero
4 tuorli
100g di mandorle tritate finemente

Meringa: 4 albumi vecchi di 2 giorni e a temperatura ambiente
70g di zucchero
20g di Maizena
Per prima cosa la frolla: setacciare la farina con il cacao e lo zucchero, fare una fontana ed unirvi il burro a pezzettini e il tuorlo. lavorare velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere una pasta omogenea, farne una palla, avvolgerla in pellicola per alimenti e farla riposare per 30 minuti in frigo.
Passato questo tempo stenderla sulla spianatoia infarinata, ricavarne una sfoglia spessa 4-5 mm e foderare una teglia da crostata, rifinire i bordi e porla in frigo per 30 minuti.

Preriscaldare il forno a 180°.

Estrarre la teglia dal frigo, posatevi sopra un foglio di cartaforno e riempite l’interno della torta con dei fagioli o ceci secchi (pesi da cottura), infornate per 15 minuti, estraetela dal forno ed eliminate i fagioli. mettete da parte (l’operazione appena fatta si chiama Cottura in Bianco, consiste nel cuocere solo il guscio di frolla e i fagioli servono come peso, in modo che la pasta non si gonfi in forno. la Cottura in Bianco si fa quando si vuole riempire le crostate con creme che non prevedono cottura, ad esempio la crema pasticcera per le crostate di frutta. Per queste torte la cottura in Bianco si protrae per altri 20 minuti dopo aver tolto i fagioli, in modo da biscottare anche la superficie della frolla, nel caso di questa torta si fanno solo i 15 minuti iniziali perchè dopo avremo una seconda fase di cottura con la meringa).

Farcitura: mettere la panna, l’essenza di vaniglia e il cioccolato in una ciotola a bagnomaria, lasciar fondere mescolando con un cucchiaio di legno, otterrete una crema omogenea. Toglietela dal fuoco e mettetela da parte.
Sbattete il burro e 70g di zucchero con le fruste elettriche, sino ad ottenere una crema chiara. Incorporate i tuorli, la crema di cioccolato e le mandorle in farina. Versare la farcitura sulla crostata e cuocere per altri 10 minuti.

Meringa: montare a neve ferma gli albumi, quando appaiono sodi aggiungere a poco a poco lo zucchero e la maizena. Dopo 5 minuti inizierà a formarsi una meringa lucida e soda. Con un cucchiaio o una spatola distribuite la meringa sulla torta e cuocete per altri 15 minuti. Consiglio di infornare la torta nella parte medio bassa del forno, quindi lontano dalle resistenze, in modo che la meringa non ingiallisca. Controllate comunque costantemente il forno in quanto le meringhe bruciano facilmente a queste temperature.

Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di estrarre il dolce dallo stampo.


comments powered by Disqus