Zuppa di pollo speziata

11 November, 2009


Questa mattina sono uscita, come tutte le mattine il tragitto pane-fruttivendolo-distributore del latte crudo… ma ho sentito qualcosa di diverso nell’aria.


Già, proprio l’aria… questa mattina era pungente e cristallina,
profumava di legna e delle prime gelate, di fumo e di foglie umide.

Poi l’ho avvertito, quest’anno prima del solito, un pizzicorio all’altezza della pancia, vicino all’ombelico…
Eccolo finalmente, lo aspettavo con ansia e temevo che oramai stesse andando a perdersi come spesso succede quando si cresce…ma invece…

Il MIO unico e personalissimo Natale è arrivato, non stupitevi della data ma chi mi conosce da tanto sa’ bene di cosa parlo: quei giorni “strani” dove non so di preciso cosa mi stia succedendo, dove percepisco

l’odore del Natale e di pino, odore di candele e di polvere posata sulle statuine del presepe che da un anno aspettano solo di essere riportate alla vita, nel ripetersi di quella storia che da un secolo ripercorrono, attori ignari di un Mistero, prima con la mia bisnonna, poi con mia nonna e mia mamma… e ora con me, statuine vecchie di quasi cento anni oramai.

Mille progetti si affollano nella mia testa, il Natale consumistico non rientra nei miei pensieri, le decorazioni dell’albero sono pigne e biscotti, i regali pensieri fatti con le mie mani, il Presepe costruito casetta dopo casetta da me e da mia mamma negli ultimi dieci anni…

Oramai non è questione di date o calendari, potrebbe essere oggi Natale…ma senza quel pizzicorio per me non sarebbe nulla.

…Sono felice che sia tutto come è sempre stato,
e che la Magia non mi abbia ancora abbandonato…

La ricetta di oggi è calda come una coperta di pelo sul divano davanti al camino acceso, profuma di Natale passato, presente e futuro, con anice e cannella, zenzero e chiodi di garofano.

Ispirata da lei, che a sua volta ha preso da lei, ecco la mia zuppa di pollo e spezie

Ingredienti per una:
mezzo litro di brodo di carne
una stecca di cannella
un’anice stellato
una fetta di radice di zenzero
un paio di chiodi di garofano
qualche grano di pepe nero
1 cucchiaio di salsa di soja
una carota tagliata a julienne
un petto di pollo da 100g fatto a cubetti

Per prima cosa ho preparato del brodo di carne con un pezzo di biancostato, carota e porro, insaporendo con 2 foglie di alloro e una cipolla con infilzati dentro una decina di chiodi di garofano. Ho fatto sobbollire il tutto in una pentola alta e coperta con coperchio per un paio di ore. Ho fatto raffreddare il brodo e l’ho sgrassato.
In un pentolino ho messo la cannella e le altre spezie, vi ho unito una parte del brodo preparato (la rimanenza è stata consumata dai miei genitori con dei banalissimi tortellini) e ho fatto sobbollire per 5 minuti, ho aggiunto la salsa di soja , le carote tagliate e il petto di pollo a cubetti. Ho fatto cuocere per una decina di minuti, fino a quando il pollo si è cotto per bene.
Versato nella mia tazza-zuppiera e pappato seduta davanti al caminetto!

Posted by Picasa
comments powered by Disqus