Biscotti di vetro

30 November, 2011

Il post del lunedì, dedicato al viaggio di nozze, lascia il posto ad uno dedicato ai preparativi per l’imminente Natale. Chiedo scusa a chi aspetta il resoconto del viaggio negli USA, ma il clima festoso degli ultimi giorni mi rende difficile concentrarmi sul racconto delle settimane trascorse in America… un viaggio che ora sento molto lontano, legato ancora ai ricordi “estivi” quando attorno a me tutto si tinge dei candidi e brillantinati toni del Natale.
Le giornate volano in questi ultimi tempi, ho un pranzo di Natale per 9 da organizzare, decorazioni da fare… Natale da costruire da capo in una nuova casa…
L’albero… quello io l’ho già fatto… non ho mai aspettato date particolari per tirare giù dal solaio le scatole impolverate con i decori… semplicemente attendo il “momento giusto” per me, indipendentemente dal calendario. E così è stato… sabato pomeriggio, in quell’ora dove fuori inizia a far buio e le luci pian piano si accendono sulla città, ho iniziato.
 Prima le luci, nel soggiorno buio, solo io… un abete… e i soliti fantasmi a tenermi compagnia.
Quante volte ho fatto quei gesti? Le palline… gli aghi del pino… i fiocchi… ogni anno era una festa.
E come spesso mi accade in queste occasioni, sola io ed i miei pensieri, le lacrime dei ricordi hanno trasformato la vista di tante lucine in sfuocate fiammelle nella sera.
Voi come decorate il vostro albero? Da piccola, ricordo, il mio era una moltitudine di colori e decori… usavano tantissimo quelle ghirlande di materiale lucido e colorato (tipo la carta delle uova di Pasqua per intenderci) in blu, rosso, oro, argento… mamma mia un albero di Natale anni Ottanta da ogni punto di vista! ^^
Ora… bhè mi piace che il mio albero racconti una storia… di pigne raccolte sotto il tiepido sole di Ottobre cercando nell’odore di terra umida qualche accenno dell’Autunno che tanto ha tardato, pochi decori portati via dalla vecchia casa, una palla in bronzo comprata a Bellagio un paio di natali fa, decorazioni in feltro regalateci da un’amica nel viaggio a Vienna di due anni fa… e biscotti con i quali guardarci attraverso e scoprire un mondo colorato e profumato di caramella.

Ingredienti
Pasta frolla (io ho utilizzato la mia solita ricetta per ottenere una frolla ruvida e rustica)
500g farina
250g burro freddo
250g di zucchero semolato
2 uova

Caramelle dure colorate (viola, rosse ed arancio)
Preparare la frolla spezzettando il burro freddo ed unendolo alla farina nella quale avrete setacciato lo zucchero. Azionare l’impastatrice (o impastare a mano) e aggiungere le uova. Se la frolla lo chiede, aggiungere un goccio di acqua fredda. Formare una palla e lasciar riposare in frigo almeno 30 minuti.
Dividere le caramelle per colore, scartarle ed inserirle in un sacchetto (quelli per congelare vanno benissimo), con un martello frantumarle (ecco magari andate sul balcone e non fatelo sul pavimento bello eh!).
Sulla spianatoia infarinata stendere la frolla ad uno spessore di 4 mm e con un tagliabiscotti ritagliare i vostri biscotti. Con uno stampino più piccolo creare la finestrella.
Infornare a 180° per 10 minuti, estrarre la teglia dal forno e mettere un poco di caramella sbriciolata nella finestrella, con uno stuzzicadenti fare un forellino per far passare il filo e rimettere in forno sino a quando la caramella si sarà completamente sciolta. Estrarre la teglia e lasciar raffreddare prima di muovere i biscotti, il caramello caldo è liquido e se li spostate subito rischiate di rovinare la “vetrata” colorata.
Una volta freddi armatevi di filo trasparente o spago e al suono di canzoni natalizie decorate il vostro albero!
E con i ritagli delle finestrelle?… prossimamente qualche idea su come utilizzarli (sempre che nel frattempo non ve li siate mangiati !)
comments powered by Disqus