Frullato al kiwi, mela e semi di lino

11 May, 2012

E come ogni anno le giornate di Maggio corrono velocissime, le prime ore del mattino non sono più così buie per chi come me ha l’orologio biologico fisso sulle 5 in punto, già i primi sommessi cinguettii provenienti dal parco davanti a casa mia riecheggiano tra le fronde degli alberi ed è piacevole aspettare i primi colori dell’alba sgranocchiando una mela appollaiata sulla sedia di legno in terrazza, lasciandosi cullare dall’aria tiepida del mattino e dal dolciastro profumo dei primi fiori di gelsomino.
Le mie primissime ore del giorno iniziano così, persa tra i fiori del mio terrazzo, annaffiando, togliendo i petali appassiti, scrutando i rami di gelsomino, vaporizzando l’acqua sulle orchidee, “scapigliando” le erbe aromatiche per farne liberare gli odori nell’aria… Una tazza di tè, un paio di gallette ai cinque cereali con una punta di marmellata fatta in casa (in questi giorni Kiwi e vaniglia, fatta in autunno con i frutti dell’albero del nonno)… qualche ricettario sfogliato, qualche appunto sull’agenda… a volte c’è una frolla in frigo che attende di essere stesa e cotta, altre volte un impasto del pane che lievita nel forno spento… attorno alle otto un profumo di pane o biscotti invade la casa e quando tutto è sulle griglie a raffreddare inforco la bici con i cestini in vimini e mi tuffo tra le viette di Seregno… 
La giornata passa in parte al pc a rispondere alle vostre mail, o nella mia stanza viola in fondo al corridoio tra   barattoli di colore… 
Maggio è anche il mese dei progetti per il futuro… un’estate per lavorarci e forse “Chi ha rubato le crostate?” potrebbe aprire le porte della sua cucina a chi vorrebbe davvero mettere le mani in pasta con me, carpire qualche piccolo segreto o semplicemente passare qualche ora gomito a gomito con la sottoscritta, cucinando assieme, imparando, sperimentando… io lancio questo amo e nel frattempo ci lavoro su ^^
Vi lascio con qualcosa da sorseggiare in questi pomeriggi di calura quasi estiva, i kiwi del nonno mi hanno suggerito un frullato da offrirvi ^^

Ingredienti (2 bicchieri come in foto)
3 kiwi (circa 200g) molto maturi
1 mela (circa 180g)
mezza bacca di vaniglia (le mie sono importate dal Madagascar e sono molto forti, nel caso abbiate quelle che si trovano al supermercato mettetene una intera)
un cucchiaio di semi di lino (pestateli leggermente in modo da romperli)*
acqua (o latte di soia/vaccino) qb
* Ritornando al discorso dei semi di lino, nel post precedente vi ho spiegato quanto siano importanti dal punto di vista nutrizionale, nella ricetta di oggi noterete che suggerisco di schiacciarli leggermente. Questo per il semplice motivo che sono talmente piccoli che il nostro stomaco non riesce a romperli, di conseguenza quando non sono inserite in pietanze “masticabili” come torte o biscotti (dove si dà per scontato che vengano tritati dai denti ^^) occorre frantumarli prima di aggiungerli al composto di base (frullati, yogurt, minestre o vellutate).

Pulire la frutta e tagliarla a pezzetti.
Raschiare i semini della bacca di vaniglia.
Nella brocca del frullatore unire la frutta, la vaniglia e mezzo bicchiere di acqua (o latte, o una miscela di entrambe), azionare e frullare. Se il composto risultasse troppo solido agigungere altri liquidi, dipende da come intendete il frullato, io preferisco quasi una consistenza simile al mangia e bevi.
Una volta ottenuta la consistenza desiderata aggiungere i semi di lino schiacciati.

Una ricetta banalissima e scontata che mi serve come pretesto per dire quanto sia importante assumere più frutta e acqua possibile nel corso della giornata, personalmente di “acqua pura” ne bevo poca, prediligendo infusi, tè leggeri e tisane… proprio per costringermi ad assumerne di più (dato che bevo anche delle acque molto ricche di calcio a causa sia del fatto che le riserve di questo minerale si accumulano solo sino ai 30 anni e poi vanno via via consumandosi, e sia per il fatto che assumendo periodicamente Cortisone ho parecchie carenze di questo minerale), dicevo, proprio per assumere più acqua ho iniziato a prepararmi frullati e smoothie usando queste acque arricchite ( le trovate al supermercato sono quelle… effervescenti naturali, giusto per non fare nomi).
comments powered by Disqus